Che cosa è un ispessimento del ventre materno?

Nella maggior parte dei casi, l’ispessimento del ventre materno, o l’iperplasia endometrica, è una risposta ad aumentare i livelli di estrogeni. Nelle donne in età fertile che mestruiscono regolarmente, è necessario che la fodera uterina sia addensata in modo da poter versare durante la mestruazione ed è un segno di un seno sano. D’altra parte, un gonfiore addensato può indicare una preoccupazione per la salute per alcune donne. I sintomi comuni possono includere periodi pesanti o lunghi, sanguinamento tra ogni periodo e dolore nell’addome inferiore. Le condizioni che causano questa gamma dall’obesità e dalla menopausa al diabete e al cancro, quindi è importante per una donna che sospetti di avere questo sintomo per ottenere il problema diagnosticato e trattato in fretta.

Le donne che hanno un’età fertile si aspettano che una volta al mese si verifichi un ispessimento della fodera del ventre materno. Questo deve avvenire prima che possa essere mestruale, perché lo scarico è costituito da tessuto e sangue dalla fodera dell’utero. Anche questo è fondamentale per ottenere gravidanza, perché una fitta guarigione del ventre permette all’embrione di attaccarsi saldamente all’utero. La fodera diventa regolarmente più spessa nelle donne che mestruiscono, quindi può essere difficile capire se c’è un problema. Dopo tutto, i sintomi di sanguinamento tra periodi, crampi addominali e sanguinamenti prolungati sono tutti comunemente notati da donne con ipermoni sani e per questo motivo sono importanti gli esami ginecologici regolari.

Talvolta è più facile rilevare un addensamento anomalo del ventre materno nelle donne che non hanno più periodi mestruali, perché sono più probabili notare i sanguinamenti inspiegabili e crampi che tendono a venire con questa condizione. Come le donne invecchiano, i loro livelli di estrogeni tendono a diminuire, ecco perché la fodera di ginocchio non dovrebbe diventare più spessa. Di conseguenza, se il rivestimento diventa spesso, spesso significa che una condizione sta causando l’eccesso di estrogeni. La causa può essere qualcosa che la donna sa già, come i trattamenti di sostituzione ormonale (HRT), l’obesità o il semplice squilibrio ormonale che tende a venire con le fasi iniziali della menopausa. La causa più grave, però, è il cancro uterino, e questo è raramente noto circa senza un esame adeguato.

La maggior parte delle donne dovrebbe avere strisce Pap e regolari, durante le quali le cellule vengono strappate dalla cervice in modo che possano essere controllate per anomalie, come il cancro. Se un professionista sanitario vuole dare un’occhiata più da vicino alla fodera dell’utero, può eseguire un’ecografia. Se i risultati non sono chiari o sembrano indicare un problema serio, allora una biopsia può essere prossima: questo comporta il taglio di un campione di tessuto dalla fodera uterina per analizzare le cellule. Quanto prima è stato completato tale test, prima si può trovare la causa dell’esaurimento del ventre, consentendo il trattamento il più presto possibile.