Che cosa è una cistastetroscopia?

La cistastetroscopia, nota anche come cistoscopia, è una procedura chirurgica in cui un medico usa uno strumento per esaminare l’interno della vescica di un paziente. Se un paziente soffre di sintomi che coinvolgono il tratto urinario, come il dolore durante la minzione o le infezioni ricorrenti della vescica, il medico può desiderare di eseguire una cistastetroscopia. Il paziente che ha bisogno di questa procedura può anche avere una minzione incontrollata o un’incapacità di urinare. Durante questa prova il medico dovrebbe essere in grado di diagnosticare eventuali anomalie della vescica o dell’uretra, il tubo che porta l’urina fuori dalla vescica.

L’esame dell’interno della vescica e dell’uretra può consentire al medico di cercare tumori nella vescica o di calcoli renali che sono passati nella vescica. Negli uomini, una prostata ingrandita potrebbe fare pressione sull’uretra e questo sarebbe stato rilevato durante una cistastetroscopia. Il medico può anche prendere campioni di tessuto dalla vescica che verrebbero inviati in un laboratorio per verificare la malattia.

Un cistoscopio è lo strumento usato per eseguire la procedura. È un lungo tubo cavo con una lente e una fotocamera alla fine. Il cistoscopio può essere flessibile o rigido. Gli strumenti chirurgici possono essere alimentati attraverso il cistoscopio in modo che il medico possa prendere campioni di tessuto dalla vescica o dall’uretra.

Il paziente che si qualifica per una cistastetroscopia deve necessariamente avere dei raggi X della vescica. Un campione di urina può anche essere sottoposto a un laboratorio prima dell’intervento chirurgico per verificare l’infezione. La procedura è di solito fatta come una procedura ambulatoriale con un minimo di permanenza in ospedale.

La cistearetroscopia è una procedura non invasiva e di solito viene eseguita con un anestetico locale. Il medico inserisce lentamente il cistoscopio nell’uretra e lo guida nella vescica. Se il medico usa un cistoscopio flessibile, un anestetico locale deve essere sufficiente per prevenire il dolore. Un cistoscopio rigido può essere più scomodo per il paziente e il medico può avere bisogno di utilizzare un anestetico generale. La procedura dovrebbe richiedere meno di un’ora da completare.

Una volta che il cistoscopio è nella vescica, il medico riempirà la vescica con acqua sterile o salina sterile. Questo fluido espande la vescica e permette al medico di avere una visione chiara della superficie interna della vescica. Il paziente può sentire il disagio dalla vescica completa in quanto crea la voglia di urinare. Quando la procedura è completa, il medico scaricherà la vescica.

Il recupero dalla cistastetroscopia dovrebbe richiedere solo pochi giorni. Il paziente verrà chiesto di bere diversi bicchieri d’acqua ogni giorno per i primi giorni per mantenere la vescica scoperta. Ci possono essere alcune bruciature o piccole quantità di sangue nelle urine che dovrebbero andare via in un o due giorni. Se ci sono segni di un’infezione, come febbre o dolore significativo, il paziente deve contattare il medico.