Cosa è una biopsia di punzone?

Una biopsia di punzone è la rimozione dei tessuti per l’esame con uno strumento chiamato punzone. Questa incisione è la tecnica più comune utilizzata per ottenere esemplari di pelle per testare una serie di disturbi della pelle. Una biopsia di punch comporta l’utilizzo di abilità chirurgiche di base ed è facile da imparare, anche se deve essere sempre eseguita da uno specialista.

A meno che un paziente o un dottore non sospetti un problema specifico, una biopsia cutanea non è generalmente raccomandata. Questo perché i risultati cambiano raramente i processi di trattamento ordinari. Una biopsia di punzone generalmente diagnostica problemi come melanoma, malignità della pelle, crescita benigna, lesioni infiammatorie o disturbi della pelle cronica.

Se si trova un melanoma, si consiglia un’ulteriore chirurgia e il paziente viene spesso inviato ad un centro di melanoma per l’escissione e la rimozione. Altre malattie cutanee possono essere rimosse con un piccolo pezzo di pelle. Le crescita benigne possono essere lasciate da soli o escise, ma sono generalmente lasciate al paziente. Le lesioni infiammatorie richiedono ulteriori prove mediche per determinare la causa e particolari disturbi della pelle cronica sono identificati dalla biopsia in modo che il trattamento possa essere emanato.

Durante una biopsia di punzone, il paziente può essere anestetizzato in modo che non si sente alcun dolore. I materiali utilizzati per questo passaggio comprendono guanti nonsterili, garza imbevuta di una soluzione iodica, una siringa riempita di lidocaina e adrenalina, un ago da 30 gauge e un contenitore di formalina. In primo luogo, è necessario selezionare la zona per la biopsia. Per ottenere risultati ottimali, viene generalmente utilizzato il sito più insolito all’interno della lesione o il bordo di una lesione in crescita. Questa zona deve essere pulita con la soluzione di iodio prima di applicare la miscela lidocaina / epinefrina con l’ago da 30 gauge, con l’anestesia del paziente.

Dopo questa fase, il medico dovrebbe passare a guanti sterili. Materiali aggiuntivi per il resto della procedura comprendono lo strumento di biopsia, un supporto per aghi, forbici ad iride, un ago da 21 gauche, un ago da ¼ pollici e un teli sterili. Ora il medico deve identificare dove c’è la minima tensione della pelle. La pelle deve essere allungata intorno al sito perpendicolare alle linee di tensione minima della pelle. Questo allungamento porterà ad una ferita ellittica che si guarisce più facilmente.

Lo strumento di biopsia del punzone dovrebbe essere mantenuto verticalmente sulla pelle e ruotato verso il basso, penetrando nel derma e sistemandosi in grasso sottocutaneo. Il campione della pelle dovrebbe essere elevato con l’ago di anestesia e le forbici utilizzate per tagliare il campione libero dal tessuto. La ferita viene poi chiusa e si applicano unguento antibiotico e una benda.